8 novembre 2011

Il numero sbagliato, la persona sbagliata, nel momento sbagliato.

"Buongiorno, parlo con la signora Ciampino?"
"No, qui di Ciampino manco l'ombra, sono Susibita e lei deve aver sbagliato numero."
"Ah capisco, mi scusi ma già che ci sono posso parlare anche con lei della nostra favolosa offerta."
"Detesto queste subdole tecniche di marketing spicciolo, la sua azienda non riesce a inventarsi di meglio?"
"Chi è il suo fornitore di energia elettrica se posso chiederglielo?"
"Detesto anche che vi costringano a fingere di ignorare le mie provocazioni."
"Lei potrebbe arrivare a risparmiare fino al 10% di energia elettrica perchè noi usiamo fonti rinnovabili ed è per questo che costiamo meno."
"Quindi posso andare sul vostro sito e verificare la cosa. Bene, interessante, arrivederci."
"No, il 10% di riduzione è un'occasione che le sto offrendo con questa telefonata, stiamo chiamando tutti i residenti del Paesino in Culo Ai Lombrichi, ma solo per oggi."
"Quindi è un'offerta, solo un 'offerta. Cosa c'azzecca il risparmio per via delle fonti rinnovabili? Mi scusi ma non cerchi di confondere le cose, sono ben diverse."
"Bhè...ma... l'energia è un mercato libero sa...lei può decidere di scegliere il fornitore più conveniente...il mercato libero è..."
"So benissimo cos'è il mercato libero."
"E' l'offerta del giorno."
"Tadàà. Beccata. Che sfortuna, penso proprio di non avere intenzione di prendere questa decisione nel corso della telefonata. Mi riservo d'informarmi per mio conto e la ringrazio. "
"Comunque il mercato è libero."
"I vostri piani marketing lasciano alquanto a desiderare."
"Lei è stata molto cortese, le auguro una buona giornata arrivederci"
"Anche a lei, buongiorno."

Mi dispiace, anonima telefonista che hai chiamato con aria un po' saputella e rigorosamente devota alle linee marketing del tuo caposquadra.
Magari ti sottopagano pure e sei precaria e ti fa schifo quello che fai, e io sono stata molto acida e un po' mi dispiace.
Ma tu non mi devi rompere i maroni quando ho 3 ore scarse di sonno sul groppone e per questo ce li ho già girati.
Tu devi imparare a capire con chi hai a che fare dall'altra parte della cornetta, e scegliere se usare i soliti mezzucci da basso marketing che m'irritano ulteriormente,  o ripiegare in ritirata prima che sia troppo tardi.








7 commenti:

El_Gae ha detto...

A me fanno una gran pena, poveri operatori. Credo che sia un ambiente alienante. Poi, quando ti chiamano alle 21,30 che stai addormentando i piccoli... qualche ostrega, in effetti, scappa pure a me.

Velma ha detto...

La mia linea telefonica di casa è la stessa del mio studio, perciò ricevo circa cinque telefonate al giorno da operatori telefonici vari, e in periodo pre-natalizio anche telefonate di promozioni su prodotti vari, nonchè associazioni e forze dell'ordine per calendari...spesso mi fingo la segretaria!

sononera ha detto...

Stessa cosa ieri l'altro, mandai a cagare una non velata telefonata della vodafone, che vuole disperatamente vendermi l'ADSL. Che palle. Non la voglio, ho già Tiscali, e mi trovo benissimo così.
Però, penso sempre che dietro quella cornetta ci sono ragazzi sfruttati e precari e allora cerco di matenere un tono gentile.

Susibita ha detto...

ElGae: dicasi 3 h di sonno in una notte...capisciammè.

Velma: buona idea ;D

Sononera: lo so, infatti mi spiace, ma a volte hanno un modo di fare così insistente, come se tu fossi un deficiente perchè non vuoi aderire alla loro splendida offerta. A me va bene tutto, capisco tutto, ma ho anch'io i miei problemi e soprattutto non mi va di essere pigliata per fessa.

the pellons' ha detto...

Speriamo che il topolino si metta a far giudizio e tu a far la nanna...coraggio resisti!

Tabata Potter ha detto...

Magnifica descrizione, mi ritrovo in ogni singola riga di questo post
:-))))

Lex ha detto...

Non è una garanzia di pace, ma l'iscrizione al Registro Pubblico delle Opposizioni può essere d'aiuto:

http://abbonati.registrodelleopposizioni.it/abbonati/home-abbonato