21 giugno 2015

Di Giugno hai i capelli, gli occhi non si sa.

Che cosa siamo, prima di Essere?
Impulso elettrico.
Girini nella placenta.
Da qualche parte in un istante, siamo un battito.
In un qualche punto in un qualche tempo nella testa di nostro padre, nel ventre di nostra madre, la prima cosa che siamo è semplice: un'idea.

Dio ti prego che sia sano.
Speriamo sia maschio.
Mi basta non abbia il naso di tua madre.
Speriamo dorma.
Fai che la guerra finisca.
Speriamo d'esser vivi.

E quando poi Siamo, cos'è che precisamente Siamo?
Un corpo e un nome.
I figli di qualcuno.
Mi par che siamo molto, moltissimo animali: come i gatti o i cavalli.
Siamo respiro, freddo: siamo le nostre urla.
Siamo fame, sopravvivenza, istinto di vita.

E che cos'eri tu, prima di te?
Subito, proprio subito subito prima di esser te di fuori, eri un po' me di dentro: carne, fiato e tutto il resto.
E anche se urlavo - bambina, non ti credere- avevo la situazione sotto controllo, mica come con tuo fratello.
Un po' per la punturina della felicità, un po' perché il mio corpo aveva capito quella storia delle spinte e assorbito il concetto.
Così invece di saettare gli occhi fuori dalle orbite, il coccige fuori sede per non tacer del resto, la mia testa ha tirato fuori da chissà dove la memoria del corpo: che più che con i muscoli, si spinge col tempo giusto. 
E con tutta l'anima, naturalmente.

La gente trova rassicurante trovare somiglianze, riconnettere situazioni: fa parte del gioco, l'illusione che in fondo tutto sia sotto controllo.
Quando sei uscita con quel cordone lì attorno al collo, già avevi cominciato a far casino: avrei dovuto capirlo.
Spesso chiedo a tuo padre eh ma tu sei sicuro che quando è uscita da là sotto c'aveva proprio quegli occhi lì, vero? cioè tu glieli hai visti, giusto? erano già così, come due tondi bottoni in mezzo alla faccia? perché secondo me non ci somiglia per niente. Non è che ce l'hanno scambiata?
Io quando sono scesa ad allattarti la prima volta ho notato quel buchino, proprio accanto all'orecchio, un puntolino minuscolo.
"Qualche mese e si riassorbe", m'hanno detto. Invece sta ancora là.
Speriamo non vada mai via, Nina, sarebbe un po' triste: è la prima cosa di te che ho amato.
Quando ti dovevo prendere in quel mare di culle ti cercavo, controllavo il numero sul bracciale e poi -diffidente- risalivo a quel buchino, quel minuscolo pezzettino che chissà come m'era sfuggito.
Allora ti prendevo, e così ogni giorno eri un po' più mia.

Non è vero che i figli non sono noi.
Cioè: è giusto pensarlo, ribadirselo come concetto, così voi crescete liberi con la vostra personalità unica e noi non vi opprimiamo, e occhèi.
Però non è vero, semplicemente.
Non è che perché una cosa non è vera, allora non dobbiamo crederci: vaglielo a dire a Babbo Natale.
Io ad esempio da quando ho voi penso sempre a quella frase che lessi non so dove:

"Com'è, avere un figlio?"
"Un figlio? è come un pezzo di te, ma che va in giro da solo."

Io infatti trovo che tu sia molto tu, ma anche molto me e molto tuo padre, e anche tuo fratello e tutti gli altri: tu, più la somma dei nostri geni, dei nostri errori, della nostra paura, del nostro sforzo alla felicità o all'amore. 

La gente trova rassicurante trovare somiglianze, riconnettere situazioni: fa parte del gioco, l'illusione che in fondo tutto sia sotto controllo.
Quando sei nata, era il primo giorno d'Estate. 
E ogni volta in cui per la prima volta sarà di nuovo Estate, tu nascerai un'altra volta, e noi ti si farà una gran festa: io mi metterò carina e accenderemo le candele, poi mangeremo una torta fresca, con fragole o ciliegie.
Siccome hai in te l'estate, anche tu sei calda, divertente, pigra e faticosa.
Di Giugno hai la pelle di grano, gli occhi delle lucciole: che hai solo tu, ma che t'ho fatto io.










15 commenti:

Alem ha detto...

Meraviglioso post!
Io ci penso sempre quando riconosco me in loro. Ed ho paura, lo ammetto. Ma è così bello!

ioticerco ha detto...

E davvero è dolce l'esser famiglia

Suster ha detto...

Io invece di recente sono rimasta colpita da questa frase (grossomodo, ché non l'ho letta ma sentita, e non saprei risalire all'originale esatto): "Cosa siamo? Siamo fatti da un involucro esterno, e da un mondo interno". Un mondo. Proprio così. Non un corpo e un nome quindi. Fin da subito un mondo potenziale, o un mondo in fieri, già un mondo di sensazioni e di emozioni da riordinare, che nessuno può conoscere, finché non impariamo ad esprimerlo, e anche allora non è detto che sia facile, ché all'esterno si vede solo la parte più piccola: l'involucro.
Quando una bambina nasce, nasce un mondo.
Bellissimo post. Soprattutto il titolo!

SP Morelli ha detto...

Che bel post mamma ! Auguri Nina ! Che bello nascere il primo giorno d'estate 🎀🎀🎀

SP Morelli ha detto...

Ops avevo messo dei cuori ma vedo dei punti interrogativi :-(

Susibita ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Susibita ha detto...

Alem: è bello, ma pure vero secondo me. Non c'è niente di male nell'ammetterlo =)

ioticerco: già =).

Suster: bella davvero questa frase. Anche l'involucro comunque ha un suo valore, io che non conoscevo ancor ail suo mondo, perchè ancora era tutto "in potenza" per dirla aristotelicamente, lei l'ho riconosciuta da quel micro-dettaglio, e poi piano piano per tutto tutto il resto. E chissà quante volte ancora ci stupiranno con nuove terre dei loro mondo,tutti da esplorare!

SPmorelli: e pensa che io vedo dei fiocchetti rosa XD!!

Lisa ha detto...

Auguri in ritardissimo, sono un disastro! Nina è speciale perché anche tu lo sei, e sono certa che le insegnerai a vedere la bellezza come la vedi tu!
Un abbraccio!

Susibita ha detto...

Lis: grazie! e non sei in ritardissimo, mica siamo alle scadenze fiscali di Giugno ;) (almeno non qui!!)

ioticerco ha detto...

Sono imperdonabile, e ti domando scusa.

Tantissimi AUGURI!!!

Susibita ha detto...

Grazie ioticerco, figurati ci mancherebbe 😉

pera ha detto...

Già tre anni, eh.
Che ti leggevo bella panzuta anche io, e faceva caldo fuori e attesa e nervoso dentro, e ora siam qui, tre anni dopo che non so da te ma qui il caldo vero ancora non c'è, ma l'attesa c'è sempre. Di tipo diverso, ma sempre.
auguri Nina. Buona torta fragole e ciliegie, buona mamma che si è fatta bella per festeggiare l'evento, buon papà e fratellone.

Susibita ha detto...

Ciao!! E' vero, ricordo benissimo quell'estate.
L'attesa, il lavoro inutile (ma chi me l'ha fatto fare? tornassi indietro...), leggersi reciprocamente.
Hai ragione, è come dici nel tuo post che ho letto ora, quello sulla recita: il tempo non passa veloce, passa esattamente come deve passare. Ed è tremendamente bello e terribile, allo stesso tempo.
Un abbraccio e grazie per gli auguri!


Susibita

Mocaliana Ele ha detto...

Bellissimo post!
Infatti mi è sempre piaciuto molto chiamare "pezzetto" i bambini!

D'Erica ha detto...

mi hai fatto piangere... bellissimo post. non vedo l'ora di vedervi <3