27 luglio 2011

Ciò che è degno di essere considerato.

Ad esempio un cane che scodinzola, è degno di essere considerato.
Il linguaggio lento dei vecchi.
Chiunque si scusi.
Quelle foglie piccolissime nel vasetto sul mio terrazzo.
Chi paga la spesa e va avanti.
Degna è la mano che chiede.
L'acqua che disseta il mio bambino.

La lampadina che accende una stanza, il canto di un coro fuori da una chiesa.
Non sprecare carta, riciclare un vecchio lenzuolo è cosa molto degna.
Degno è il pensiero onesto.
Conoscere i nomi delle stelle.
Chi cura la terra.
Chi studia la storia.
La parola "grazie".

Considero degno chi ha provato vergogna di sè stesso.
Il primo libro che ho letto.
Il mestiere d'insegnare e l'odore bianco del gesso.
Gli oggetti di legno e i fazzoletti di stoffa.
La pioggia in autunno, il freddo d'inverno, il caldo in estate e le giuste stagioni.

La parola "lavoro" è tra le più degne.
L'amore fatto al buio.
Non vergognarsi di dire " mi hai fatto male da morire".
Quando non riesci a smettere di ridere.
Chi ha tanta paura.
Chi non ne ha per nulla.

Non saperti spiegare, bambino, ma provarci lo stesso.

7 commenti:

Lisa ha detto...

Avevo proprio bisogno di leggerlo, questo poema, di mattina, prima di inforcare la moto e entrare in classe. Ma non lo sapevo, prima di trovarlo. Ecco, adesso mi sento più degna andando a sbraitare dietro ai ragazzini!

foggyland ha detto...

leggendo anche questo sono combattuta, nel senso che non so se mi piaci di più quando mi fai sorridere, quando mi fai riflettere, o quando mi fai riflettere sorridendo e col magone.
foggy

Susibita ha detto...

Lisa: poem..bhè, dai, è una parolona =). Però se ti riferisci al lavoro dell'insegnante, sì, lo ripeto: secondo me è una delle cose più degne di essere considerate, sappilo.

Foggy: mi piace piacerti anche multitasking.

Federica B ha detto...

La maternità ti sta facendo diventare saggia (anocra più di prima...s'intende).

Susibita ha detto...

Fede: siam messi bene, allora...;D

emanuelas ha detto...

pensa quando inizierà a fare domande allora.. ma che bel post Susa' ;_;
e.

Susibita ha detto...

Emanuelas: per una madre cerebrale come me il momento sarà critico: vorrà dire che mi incarterò tra i miei pensieri qui sul blog tediandovi.

Baci e bentornata ;)!

Susibita